Che cos’è il THC?

Il THC, o tetraidrocannabinolo, è la sostanza chimica responsabile della maggior parte degli effetti psicologici della marijuana. Secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA), agisce come i cannabinoidi prodotti naturalmente dall’organismo.

I recettori dei cannabinoidi sono concentrati in alcune aree del cervello associate al pensiero, alla memoria, al piacere, alla coordinazione e alla percezione del tempo. Il THC si attacca a questi recettori e li attiva e influenza la memoria, il piacere, i movimenti, il pensiero, la concentrazione, la coordinazione e la percezione sensoriale e temporale di una persona, secondo la NIDA.

Il THC è uno dei molti composti che si trovano nella resina secreta dalle ghiandole della pianta di marijuana. Più di queste ghiandole si trovano intorno agli organi riproduttivi della pianta che in qualsiasi altra area della pianta. Altri composti unici della marijuana, chiamati cannabinoidi, sono presenti in questa resina. Un cannabinoide, il CBD non è non psicoattivo, secondo il National Center for Biotechnology Information, e in realtà blocca l’alto associato al THC.

Effetti sul corpo

Il THC stimola le cellule del cervello a rilasciare dopamina, creando euforia, secondo la NIDA. Interferisce anche con il modo in cui le informazioni vengono elaborate nell’ippocampo, che fa parte del cervello responsabile della formazione di nuove memorie.

Il THC può indurre allucinazioni, cambiare il pensiero e causare deliri. In media, gli effetti durano circa due ore, e si manifestano in 10 – 30 minuti dopo l’ingestione. Tuttavia, la compromissione psicomotoria può continuare anche dopo che il livello percepito si è fermato.

“In alcuni casi, gli effetti collaterali del THC riportati includono euforia, ansia, tachicardia, problemi di memoria a breve termine, sedazione, rilassamento, sollievo dal dolore e molti altri”, ha detto A.J. Fabrizio, un esperto di chimica della marijuana presso Terra Tech Corp, una compagnia agricola californiana focalizzata sull’agricoltura locale e sulla cannabis medica. Tuttavia, ha detto, uno studio del British Journal of Pharmacology ha trovato che altri tipi di cannabinoidi, così come i terpeni (composti che producono sapore e fragranza nelle piante), possono modulare e ridurre gli effetti negativi.

I rischi

Gli effetti della marijuana ne fanno una droga popolare. Infatti, è considerata una delle droghe illecite più comunemente usate nel mondo. Ma questi effetti riguardano anche i sostenitori della salute mentale. Secondo la NIDA, il THC può innescare una ricaduta nei sintomi schizofrenici.

Un altro possibile rischio di consumare THC si presenta sotto forma di abilità motorie compromesse. La marijuana può compromettere la guida o compiti simili per circa tre ore dopo il consumo ed è la seconda sostanza psicoattiva più comune che si trova nei conducenti, dopo l’alcool, riferisce la National Highway Traffic Safety Administration. Le persone che assumono marijuana medica sono istruite a non guidare fino a quando non è stato stabilito che possono tollerarla e condurre con successo le attività motorie.

L’uso di marijuana può causare problemi ai giovani e problemi a lungo termine. “Alcuni degli effetti collaterali del THC includono una diminuzione del QI, della memoria e della cognizione, specialmente nei giovani”, ha detto il Dr. Damon Raskin, direttore medico del Cliffside Malibu Treatment Center. “Tuttavia, la giuria è ancora fuori per quanto riguarda gli effetti a lungo termine, dato che non è stata fatta ancora abbastanza ricerca su di esso. C’è qualche speculazione che potrebbe compromettere la fertilità in uomini e donne e anche compromettere le vie respiratorie di una persona, ma gli studi non sono ancora chiari”.

Uno studio dell’Università di Montreal pubblicato sulla rivista Development and Psychopathology nel 2016 ha scoperto che l’uso precoce della marijuana può colpire gli adolescenti. I fumatori che iniziano intorno ai 14 anni fanno di peggio su alcuni test cognitivi rispetto ai non fumatori. Lo studio su quasi 300 studenti ha scoperto che i fumatori di marijuana hanno anche un tasso di abbandono scolastico superiore. Quelli che aspettavano di iniziare intorno ai 17 anni non sembravano avere gli stessi problemi.

Il NIDA riferisce che i ratti esposti al THC prima della nascita, subito dopo la nascita o durante l’adolescenza hanno mostrato problemi con specifici compiti di apprendimento e di memoria più tardi nella vita.

Il farmaco può anche avere interazioni farmacologiche con alcuni farmaci.

Usi medicinali

Secondo l’Istituto Nazionale del Cancro, la marijuana è stata usata per scopi medicinali per più di 3.000 anni. All’inizio del 2017, più della metà degli Stati Uniti ha legalizzato l’uso della marijuana medicinale. Diversi stati hanno anche legalizzato la droga per uso ricreativo.

Il THC può essere estratto dalla marijuana, o sintetizzato, come nel caso del dronabinol, un farmaco approvato dalla FDA. Il dronabinol è usato per trattare o prevenire la nausea e il vomito associati ai farmaci contro il cancro e per aumentare l’appetito delle persone affette da AIDS, secondo la U.S. National Library of Medicine. Si tratta di un olio resinoso giallo chiaro.

Altri studi stanno dimostrando che, se usato correttamente, il THC ha molti benefici medici aggiuntivi. Per esempio, il THC può essere in grado di migliorare la memoria se assunto in piccole dosi, secondo uno studio del 2016 sui topi.

Le persone considerano la marijuana come un farmaco migliore delle pillole da prescrizione perché è “del tutto naturale”. Questo potrebbe non essere vero. “Solo perché qualcosa è considerato ‘naturale’ non significa che è sana”, ha detto Raskin. “Per esempio, la quercia velenosa può essere dannosa. Solo perché cresce nel terreno non significa che sia buono per te o sano”.

Sovradosaggio

Gli alimenti commestibili, alimenti contenenti THC, sono diventati un grosso problema negli stati che hanno legalizzato la pentola a causa del sovradosaggio.

“Gli alimenti commestibili possono portare ad un’overdose a volte perché la gente spesso ingerisce una porzione completa di un biscotto invece di una quantità più piccola diagnosticata”, ha detto Raskin. “Voglio dire, chi mangia mezzo biscotto? È più facile inghiottire un biscotto ed è molto attraente per i più giovani o per coloro che non vogliono inalarlo sotto forma di fumo”.

Raskin ha anche spiegato che gli alimenti sono estremamente potenti, e quando ingerito nel tratto gastrointestinale, il farmaco può durare più a lungo e con maggiore intensità. “L’effetto dell’inalazione di THC durerà da 45 minuti a poche ore, ma i prodotti commestibili possono durare da sei a otto ore e hanno maggiori probabilità di portare a un viaggio al pronto soccorso con un’overdose”, ha detto.

Concentrazioni di THC nella cannabis

Quando il THC è esposto all’aria, si degrada in cannabinolo, un cannabinoide che ha i suoi effetti psicologici. La concentrazione di THC dipende anche dalla coltivazione della pianta di marijuana, nota scientificamente come Cannabis sativa L.

Un tipo di cannabis che ha una quantità minima di THC, fino allo 0,5%, è la canapa, secondo il North American Industrial Hemp Council. La canapa è usata per scopi industriali e medici.

Alcuni ceppi di cannabis possono avere appena lo 0,3% di THC in peso. In altri ceppi, il THC costituisce il 20 per cento del peso di un campione. La National Highway Traffic Safety Administration riferisce che la concentrazione media di THC nella marijuana è dell’1-5 per cento; nell’hashish è del 5-15 per cento, e nell’olio di hashish è in media del 20 per cento. Il THC in dosi ricreative di marijuana è altamente variabile e più basso è il contenuto di THC nella marijuana, più l’utente deve consumare per produrre gli effetti desiderati.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Vaporizzatore
Logo